Inquinanti atmosferici – cause e conseguenze

Oltre ai gas, l'atmosfera contiene delle sostanze liquide e solide in diversa concentrazione. Queste rappresentano una combinazione di sostanze chimiche, organiche ed inorganiche, definite anche “particelle sospese”. Queste particelle sospese vengono spesso identificate con l'acronimo inglese PM (Particulate Matter).

Attraverso l'aria che ci circonda, siamo esposti costantemente ad inquinanti atmosferici. Queste particelle provengono soprattutto dagli impianti di riscaldamento delle abitazioni, dall'industria, dall'agricoltura intensiva ed infine anche dai processi di combustione dei carburanti, quindi dalla circolazione dei veicoli.
Le emissioni provenienti dai motori delle automobili sono complesse e la loro composizione è molto variabile. Le particelle sono composte da monossido di carbonio, ossidi di azoto, fuliggine, solfati e metalli. La composizione qualitativa e quantitativa dei gas di scarico dipende dal tipo di carburante utilizzato, dal tipo di motore e dalla sua età, dalle sue caratteristiche tecniche e dalla sua manutenzione, così come dall'impianto di controllo dei gas di scarico e dall'utilizzo del veicolo. Molto dipende anche dalla frequenza con cui quest'ultimo viene utilizzato, dalla velocità di guida e dalle distanze percorse.

I gas di scarico dei motori diesel privi di o con un ridotto sistema di controllo delle emissioni contengono più polveri sottili. Due studi della IARC (Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro) mostrano la stretta correlazione tra la tendenza crescente dei fattori di rischio dei tumori ai polmoni e alla vescica, e l'elevato aumento dei gas di scarico dei motori diesel.

Tuttavia le conseguenze degli inquinanti atmosferici non si limitano “solo” al tumore dei polmoni. Queste particelle, in base alla loro grandezza, si insidiano in vari tratti dell'apparato respiratorio. Le particelle PM2.5, ad esempio, riescono a penetrare fino agli alveoli polmonari provocando infiammazioni che possono portare a problemi a carico dei polmoni come bronchiti, asma, e nel peggiore dei casi, tumori. Le particelle più grandi (PM10), invece, rimangono bloccate nelle vie respiratorie superiori provocando, soprattutto nei bambini, faringiti o tracheiti.

Richiedi qui il bollino ecologico danese per le zone ambientali a traffico limitato in Danimarca

 

 

.